Conenna (Università dell’Idrogeno) sul Discorso di Napolitano

Roma 1 gennaio 2009. “Le parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano “sui temi del clima e dell’energia, sui temi dell’innovazione necessaria e possibile” indicano chiaramente la direzione che il Paese deve percorrere.”

Inizia così la dichiarazione sul discorso di ieri del Capo dello Stato di Nicola Conenna, il Presidente dell’Università dell’Idrogeno (H2U – The Hydrogen University), la fondazione non governativa che fa riferimento a Jeremy Rifkin. Ed erano stati proprio Rifkin e Conenna ed il Movimento Federalista Europeo a scrivere una lettera aperta a Napolitano e al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi l’undici dicembre, in occasione del Consiglio Europeo di Bruxelles, chiedendo l’impegno dell’Italia nel favorire il varo del pacchetto clima-energia.

“ L’anno iniziato oggi sarà decisivo per salvare il clima del pianeta. Dal 30 novembre all’11 dicembre 2009 è prevista a Copenhagen una Conferenza delle Nazioni Unite dove potrà nascere il nuovo Protocollo di Kyoto. Ci attende dunque un anno molto impegnativo per arrivare con successo a questo traguardo. Abbiamo molto apprezzato che il Capo dello Stato nel suo discorso di fine anno abbia posto il pacchetto clima- energia fra i temi prioritari, insieme, naturalmente, ad una richiesta di pace per la tormentata area mediterranea.”

L’approvazione a fine anno 2008, da parte dell’Unione Europea del pacchetto, sia pure con qualche compromesso probabilmente non evitabile, costituisce in effetti un primo ed indispensabile passo verso la Conferenza di Copenhagen. In caso di successo, nel marzo 2010, in sede di Consiglio europeo sarà possibile correggere ulteriormente il testo dell’accordo (passare da una riduzione del 20% delle emissioni dei gas ad effetto serra ad un 30%).

“Tutto questo,-continua Conenna- però non è affatto scontato. Sarà necessaria una impegnativa battaglia culturale e politica soprattutto in Italia, Paese, duole dirlo, fra i più arretrati su questi temi. Il ruolo delle organizzazioni non governative, dei media e dell’opinione pubblica sarà decisivo in questo processo. Occorrerà poi ottenere che gli accordi presi vengano effettivamente rispettati, cosa niente affatto scontata. (L’Italia con la ratifica del Protocollo di Kyoto si è impegnata a ridurre le proprie emissioni del 6,5% rispetto all’anno 1990 ma, nonostante le previste pesanti sanzioni economiche, le ha invece aumentate di circa il 20%; nel caso del pacchetto europeo non sono neanche previste sanzioni).

Il Presidente Napolitano- conclude Conenna- ha dichiarato poi che la crisi economica deve essere considerata un’opportunità di cambiamento: sono parole che condividiamo totalmente. Ma quale cambiamento? Jeremy Rifkin ha più volte indicato la direzione del cambiamento: è arrivato il momento di accelerare la inevitabile transizione da una economia centralizzata basata essenzialmente sui combustibili fossili ad un nuovo modello economico, decentralizzato, basato essenzialmente sull’energia solare e sull’utilizzo dell’idrogeno come accumulatore e vettore di tale energia. In questo modo potremo moltiplicare i posti di lavoro messi a rischio dalla crisi economica e passare ad un’organizzazione industriale priva di emissioni di gas ad effetto serra e molto meno nociva in termini sanitari.”

6 Commenti a “Conenna (Università dell’Idrogeno) sul Discorso di Napolitano”

  1. marco berto scrive:

    scrivo dalla provincia di rovigo, e molta gente del Polesine come me può condivivere le dichiarazioni di Nicola Conenna, ma mi domando alla luce dell’accordo Italia-Francia sul nucleare, come si conciliano con la tesi proposta di un’economia energetica decentralizzata e indipendente da fonti non esauribili?

  2. marco berto scrive:

    scusate, intendevo, non dipendente da fonti esauribili…

  3. marco berto scrive:

    riscrivo tutto: come si conciliano le dichiarazioni di Napolitano, Canenna e Rifkin con l’accordo Italia-francia sul nucleare?

  4. marco berto scrive:

    dovremmo aspettarci di vedere fondi destinati alle fonti alternative, deviati verso il nucleare? e se si vuole perseguire entrambi i fini, da dove si reperiranno i fondi?

  5. Admin scrive:

    Vede sig. Marco,
    come trova scritto su molte pagine di questo sito, l’idrogeno è un vettore e non una fonte primaria di energia. Occorre, quindi, che l’energia per scindere l’acqua e produrre idrogeno si trovi altrove. Sarebbe bello poter usare fonti rinnovabili. Tutti lo auspichiamo ma, chi sceglie il nucleare, probabilmente valuta che questa soluzione è ancora prematura.
    Saluti

  6. marco berto scrive:

    la ringrazio

Scrivi un commento